Una retrospettiva del 2021

Il 2022 è ormai iniziato da qualche giorno lasciandosi indietro il 2021, anno caratterizzato ancora dalla situazione pandemica come nel 2020. Infatti tra le tante cose colpite da questa terribile situazione c’è stato il calcio regionale il quale ha potuto riprendere solo a giungo permettendo di finire solamente il girone d’andata dello scorso campionato. Per fortuna, per quanto riguarda la stagione in corso, non ci sono stati problemi che ne hanno compromesso l’andamento.

Calcisticamente parlando, il 2021 è stato l’anno della svolta per l’ACCA, anche se esso è cominciato male con due sconfitte nelle ultime due partite del campionato 2020/2021 che è stato chiuso dai ragazzi con appena 4 punti sul campo. Tuttavia, nel campionato 2021/2022 i ragazzi a fine andata hanno ottenuto ben venti punti e occupano a pari merito il quarto posto in classifica a -5 dal secondo classificato.

Questo miglioramento è avvenuto sia grazie agli sforzi dei ragazzi che si sono allenati sempre bene, sia dello staff tecnico e del comitato che hanno seguito la squadra nei momenti più difficili e sia grazie al supporto del pubblico, che sempre accompagnato la squadra sia in casa che in trasferta (e che trasferte).

Il 2021 è stato anche l’anno del cambio del campo per l’ACCA che è passata dal Campo Caserma di Bellinzona alla struttura calcistica di Gorduno, un passo in avanti notevole per svariati motivi.

Passando ai “premi” individuali, Marko Jerkic è stato il giocatore dell’anno dell’ACCA con i suoi primi posti nella classifica marcatori (11 reti) e nella classifica assist (3 passaggi chiave). Tutte le classifiche sono consultabili sui nostri social (Facebook e Instagram).

A livello di squadra, i momenti belli sono stati in quelle partite nelle quali i ragazzi hanno ottenuto punti pesanti nonostante delle prestazioni non brillanti e in circostanze avverse come il pareggio contro il Drina (da 0-2 a 2-2), e le vittorie per 1-2 in trasferta contro Bodio e Pedemonte.

L’obiettivo per il 2022 è quello di continuare la buona striscia di risultati migliorando nel contempo le aree più deboli del 2021 così da permettere all’ACCA di lottare per un posto promozione che avrebbe una valenza storica molto importante, infatti l’ultima promozione dell’ACCA risale al 1989.

Con la speranza che tutti i suoi soci e sostenitori abbiano iniziato al meglio il 2022, l’ACCA augura un felice 2022 a tutti con l’augurio di ritrovarli al campo alle Gerre per le partite del ritorno.